Passa ai contenuti principali

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 

Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!



Come stiamo notando noi tutti/e amanti e utilizzatori/trici della cosmesi ecobio, i prodotti ecobio continuano ad apparire, sempre più numerosi, sugli scaffali di molti supermercati, negozi (alcuni dedicati alla cosmesi ecobio) e, dulcis in fundo, discount

In merito ai cosmetici ecobio per la grande distribuzione, molti, sia del settore che consumatori, sono scettici, poiché sostengono che un buon prodotto (ecobio) non possa costare (troppo) poco. La mia opinione in merito è semplice: se si cerca il non plus ultra di gamma, ricco di attivi rari ed esotici (molti dei quali, sì, vero, assolutamente efficaci), con formulazioni ricercate e super performanti, allora, effettivamente, non si può pensare di spendere poco. 

Diverso è il caso in cui, invece, una/o sta cercando per sé o per i propri figli qualcosa che non danneggi la pelle (o, comunque, che non contenga nulla di potenzialmente nocivo a lungo termine) e che, allo stesso tempo, dia una (grossa) mano all'ambiente. In quel caso, le cose cambiano: un prodotto di fascia medio-bassa può essere la scelta giusta. Anche perché, diciamocelo, molte marche ecobio famose e i cui prodotti vengono venduti a caro prezzo, a volte creano prodotti con ingredienti banali (se non mediocri) e formule assolutamente semplici, che non giustificano, poi (provando un prodotto simile, ma di fascia più bassa) la differenza di prezzo imbarazzante. 

Facciamo un esempio: una crema a base di olio di mandorle dolci, che so, con estratto di avena, entrambi biologici magari, con addensanti e conservanti ecobio, di una marca ecobio famosa e di élite, per così dire, che costa il doppio (o di più) rispetto a quella di fascia medio-bassa simile non sarà mai la scelta più conveniente - per quanto quella di fascia medio-bassa possa non avere la texture migliore del mondo (e questo non è comunque vero in molti casi). A (quasi) parità di inci, formula e "biologicità" degli ingredienti, io non scelgo un prodotto che costa di più solo per il packaging, per quanto viene pubblicizzato e per il posto in cui viene venduto (è ovvio e normale che se una marca viene venduta solo presso le bioprofumerie e sul sito del brand costerà di più). 

Arriviamo al punto della questione, che ha proprio a che fare con il posto in cui viene venduto il prodotto: un prodotto che viene venduto dalla grande distribuzione, infatti, costerà per forza di cose di meno, specie se non è per nulla pubblicizzato. 

Catene di discount come Penny Market e Lidl (vi ricordate la loro linea naturale andata a ruba poco tempo fa?), con tanti punti vendita presenti in diverse nazioni europee, avranno chiaramente la possibilità di affidare ad una casa cosmetica la produzione di una linea ecobio con buoni ingredienti, formulazioni efficaci (seppur semplici) a ottimi prezzi.

Ecco, la mia borsa subito dopo la razzia al Penny Market!

Qualche tempo fa sono andata in un Penny Market della mia città, Bari (potete cercare il punto vendita più vicino a voi qui), e ho fatto incetta dei cosmetici ecobio della linea che porta il nome di Avenida. Il discount ha commissionato la produzione di questa linea per i suoi punti vendita alla New Cosmetic Techology, con sede a Milano. Tutti i prodotti hanno marchio ICEA, per la precisione, "ICEA Cosmesi Naturale" (spesso, invece, i prodotti ecobio hanno il marchio "ICEA Cosmesi Eco Bio"), trovate maggiori informazioni su ciò che questo comporta per i prodotti qui. Voglio sottolineare che, benché la certificazione non preveda che gli ingredienti debbano essere biologici, nei prodotti Avenida gli ingredienti come gli estratti lo sono. Le confezioni sono carine, essenziali ma piacevoli da vedere e, a mio avviso, per nulla pacchiane (cosa che, invece, a volte non si può dire del packaging di marche ecobio più famose e care: del resto il buon gusto non si può comprare!)

Si tratta di una linea di prodotti per il corpo e il viso piuttosto completa, manca praticamente solo il bagnoschiuma:

Corpo
crema mani - 100 ml - 1,49 €
scrub viso e corpo - 150 ml - 2,49 €
crema corpo - 400 ml - 2,99 €

Viso 
acqua micellare - 200 ml - 1,99 €
latte detergente - 200 ml - 1,99 €
struccante bifasico - 150 ml - 2,49 €
crema viso idratante pelli normali e miste - 50ml - 3,99€
crema viso idratante pelli secche e sensibili - 50ml - 3,99€
crema viso antietà giorno - 50ml - 4,49€
crema viso antietà notte - 50ml  -4,49€

Quello che ho acquistato io: descrizione (ed eventuali prime impressioni)


 acqua micellare con estratto di fiordaliso biologico, allantoina e acido ialuronico - in realtà, si chiama "detergente viso con acqua micellare".  Si tratta di un prodotto che mi sta piacendo veramente moltissimo (forse si intuisce dalla quantità rimasta nella bottiglietta). Lo uso quando devo struccarmi: inumidisco la mia spugnetta di mare Fine Dama Lavata di Cose della Natura, applico l'acqua micellare sulla spugnetta e poi strizzo leggermente quest'ultima prima di passarmela su occhi e viso, per evitare che ci sia un eccesso di prodotto, dopodiché risciacquo con la spugnetta e l'acqua*. Infatti, pur non bruciando, preferisco evitare di buttarmi il prodotto dentro agli occhi! Strucca piuttosto bene (quando ho un mascara più resistente, sugli occhi faccio due passate). La pelle dopo non risulta secca, anzi. L'odore è molto piacevole: come tutta la linea, ha un odore di fiori, non troppo forte. 

*a questo proposito, l'idea di passarla sul viso con del cotone senza risciacquare non mi piace: non lascio mai sul viso tensioattivi (che sono presenti per struccare, appunto), ed ecco perché, tra l'altro, non mi piacciono e non uso tonici che ne contengano. 


 crema viso antietà giorno con estratto di vite rossa biologica, acido ialuronico e burro di karitè - ho già iniziato ad usare anche questa crema, che ho inserito nella mia routine serale. Cercavo una crema idratante, ma non grassa e questa crema possiede entrambe le caratteristiche. In sinergia con gli altri prodotti che sto usando, questa crema dà sicuramente giovamento alla mia pelle, senza appesantirla o renderla lucida.  Vi dirò di più una volta terminata. In questo caso, il packaging del prodotto in sé, senza scatola è carinissimo, come potete vedere: una specie di palla (piatta sotto ovviamente in modo da essere appoggiata su una superficie piana), per metà di vetro e metà di plastica, quest'ultima (il tappo) di colore verde mela. 


 struccante bifasico con estratto di arancia amara e arancia dolce biologiche e olio di cotone - l'ho solo aperto per sentirne l'odore che, invece, è appena percettibile. La formula sembra molto semplice, c'è solo un olio, quello di cotone appunto, come componente oleosa e in formula è presente anche la glicerina, che dovrebbe dare ulteriore idratazione. Tra gli ingredienti, è presente anche il betacarotene, che sicuramente alla pelle piace. 


 latte detergente con estratto di camomilla biologica, glicerina e oli di mandorle e riso - l'odore in questo caso si sente chiaramente ed è identico a quello degli altri prodotti. La formula è esattamente ciò che viene riportato nel nome del prodotto. Penso sarà un buon latte detergente perché l'olio di mandorle dolci, più grasso ed idratante, e quello di riso, molto più leggero e adatto a pelli miste, dovrebbero bilanciarsi. Vi saprò dire quando lo utilizzerò! 


 crema mani con estratto di calendula biologica, oli di mandorle e riso e glicerina - odore identico agli altri prodotti, a cui mi sono del tutto assuefatta proprio grazie a questa crema che sto utilizzando - con piacere - ogni giorno su mani e piedi. Infatti, quando ho visto che dopo l'acqua in formula c'è la glicerina ho subito pensato che sarebbe stata perfetta per idratare le cuticole delle unghie delle mani e, inoltre, i miei talloni, spesso secchi. Che dirvi? A me ricorda tantissimo le creme tipo glysolid, con la differenza che l'idratazione data dagli ingredienti naturali è molto più duratura, oltre che reale. Sui piedi mi sta aiutando molto perché, applicandola ogni sera, devo ricorrere meno alla pietra pomice. Posso già dirvi che la ricomprerò sicuramente!


 crema fluida corpo con estratto di calendula biologica, oli di mandorle e riso - rispetto alla crema mani ha qualche olio e, in generale, qualche ingrediente grasso in meno e, infatti, rispetto alla crema mani che viene definita "emolliente e protettiva", questa crema corpo viene definita "idratante e protettiva". Per adesso non posso iniziare ad usarla, forse lo farà mia madre e saprò dirvi di più fra un po' di tempo. 

Insomma, ho speso per questi prodotti poco più di 15 € e ritengo (finora) siano soldi alquanto ben spesi, specie per chi vuole utilizzare prodotti senza ingredienti nocivi e che non danneggiano (o danneggiano moooooolto meno di altri) l'ambiente e gli animali che ci vivono. 
Per oggi, that's all folks! A presto! 



Commenti

  1. Molto interessante :) Non conoscevo la linea.
    Condivido il tuo pensiero riguardo al rapporto tra: estetica della confezione e/o fama raggiunta dall'azienda e prezzo finale al consumatore. L'importante è sempre essere consapevoli di ciò che si intende acquistare.
    Complimenti per il blog!
    Silvia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, bisogna sempre valutare in base alle proprie esigenze e possibilità, come dici. Grazie! :)

      Elimina
  2. Sono assolutamente d'accordo con te... Ci sono necessità e necessità. Magari chi ha problemi concreti di pelle da risolvere preferirà spendere di più ed avere prodotti con attivi particolari, e chi invece cerca solo di mantenere la propria pelle in buone condizioni perché magari non ha grossi problemi preferirà acquistare prodotti come questi... C'è posto per tutti nel grande mondo dei cosmetici ecobbbbbbio 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi a volte in alcuni cosmetici che vantano preziosi estratti, di quegli estratti c'è talmente poco che i prodotti sono paragonabili ad altri che ne sono privi, secondo me. :D

      Elimina
  3. Testato crema e acqua micellare già da un mesetto!Toppissime!Solo una pecca sull'acqua micellare nel potere struccante occhi: mi rimane spesso residuo di mascara!Brava, volevo già condividere con te questa scoperta giorni fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo, mi fa molto piacere! Io con l'acqua micellare mi trovo abbastanza bene, molto meglio rispetto ad altre acque micellari ecobio. Se eventualmente usi un mascara non ecobio, è normale che lo tolga con difficoltà purtroppo.

      Elimina
  4. Robi, mannaggia, mi ero persa il post! Condivido le tue riflessioni in pieno, anche se cerco comunque di evitare la grande distribuzione (non solo per quanto riguarda il settore cosmetico, ma proprio in generale). Non dico dappertutto, ma nella maggior parte dei casi, in ogni città/grande centro (o zone limitrofe) sono presenti piccole aziende (spesso familiari) che vendono cosmetici completamente naturali e ad impatto ambientale molto basso, ma di cui non si sa nulla perchè la pubblicità nei loro confronti è inesistente, e i punti vendita pochi. Ad esempio, a Napoli c'è una bottega di saponi e shampoo/creme artigianali dai prezzi davvero bassi e competitivi, anche se credo che pochi napoletani lo sappiano (sigh). Ecco, se posso scegliere cosmetici di questo tipo non andando a perderci per quanto riguarda il prezzo, preferisco.
    Un bacio! :**

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

The Lipstick Chronicle I - Nouveau Cosmetics

Da un po' penso all'idea di creare una specie di rubrica sul mio blog e alla fine mi son fatta venire in mente qualcosa che mi piace molto: i rossetti! Ed ecco qui il primo articolo di questa rubrica! 

I have thought for a while to create a sort of column on my blog and in the end I came up with a topic I really like: lipsticks! So here comes the first article belonging to this column! 


Attraverso lo specchio e quello che Roberta vi trovò: Mirodìa Cosmesi Natural / Through the Looking-Glass, and what Roberta found there: Mirodìa Natural Cosmetics

*English version below*


Il laboratorio dello specchio “Dopo un altro momento Alice era dall'altra parte del vetro; con un salto leggero atterrò nella stanza dello Specchio […] Poi cominciò a guardarsi intorno, e notò che quanto poteva vedere della vecchia stanza era affatto comune e poco interessante, ma che tutto il resto era così diverso che di più non sarebbe stato possibile.” (dalla traduzione di “Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò” di Masolino D'Amico)